Saldi: al via Firenze, spesa media 120 euro a cliente

image
Descrizione

Partenza scoppiettante per i saldi a Firenze, anche grazie alla giornata del sabato e alla presenza di numerosi turisti. Le principali organizzazioni dei negozianti, Confcommercio e Confesercenti, segnalano vivacità già nelle prime ore e una certa consapevolezza dei clienti, sia nelle cose da comprare, soprattutto abbigliamento e calzature invernali (piumini e cappotti in particolare), sia in quanti soldi spendere. Un sondaggio ‘in progress’ della Confesercenti individua in 120 euro a testa la disponibilità riservata ad acquisti con saldi, con picchi di 280 euro a nucleo familiare e un giro di affari che a fine giornata potrebbe superare il fatturato del ‘primo giorno’ registrato l’anno scorso. I saldi già nelle prime ore stanno vivacizzando le attività dei negozi, non solo quelli del centro storico ma in tutta la città. Segnalate file davanti ai grandi magazzini della Rinascente, mentre in provincia viene dato per consistente il flusso verso i centri commerciali de I Gigli a Campi Bisenzio e l’outlet di Barberino di Mugello. Ai Gigli i clienti hanno atteso l’apertura degli ingressi alle ore 9 nonostante le basse temperature. Tutti i negozi del centro commerciale hanno proposto occasioni e sconti, fino a ribassi del 70%. Presenze significative anche a Barberino Designer Outlet dove fin dalle prime ore della mattina i 120 punti vendita sono stati subito frequentati dai visitatori che hanno sfruttato l’apertura anticipata, come accadrà anche domani 6 gennaio e nel weekend del 12-13 gennaio. A Lucca, invece, il Comune ha deciso che dal 7 gennaio fino al 7 febbraio 2019 tutti gli stalli a pagamento, dentro e fuori le Mura, saranno gratuiti dalle ore 17 alle ore 20, una facilitazione ‘strutturale’ per chi va in città a fare acquisti.

Commenta