A PRATO TARI AZZERARATA PER IMPRESE DANNEGGIATE DA COVID

Prato Eleonora Barbieri 30 Giugno 2021 92 Nessun commento

image

Tari 2021 azzerata per le utenze non domestiche chiuse durante l’ultimo lockdown. E’ l’obiettivo a cui sta lavorando l’assessore al bilancio del Comune di Prato, Benedetta Squittieri, utilizzando i fondi governativi Covid avanzati dal 2020 che saranno quantificati con precisione in sede di consuntivo a fine luglio. Se tale obiettivo sfumasse, le stesse attività potranno contare sull’azzeramento della parte variabile del conto Tari che quest’anno è pari alla metà del totale. Operazione resa possibile utilizzando i 3,3 milioni di euro che arriveranno a Prato dal fondo governativo Covid 2021. “Faremo di tutto per garantire il massimo aiuto a chi quest’anno è stato danneggiato dalle chiusure forzate dal Covid. – spiega Squittieri – Vogliamo che già con l’acconto di settembre il totale da pagare sia zero”. Tale boccata di ossigeno rientra in un più articolato programma di interventi che il Comune di Prato ha studiato per alleggerire la bolletta Tari sia alle famiglie che alle imprese che altrimenti quest’anno sarebbe stata più salata (per molti Comuni lo sarà) a causa dell’aumento dei costi di smaltimento e dell’azzeramento del pregresso tra Ato centro e il gestore, Alia Servizi ambientali. Il costo totale per il territorio è di oltre 46,6 milioni di euro di cui quasi 26 milioni di parte variabile. Togliendo 3,8 milioni di detrazioni a carico del Comune per i propri costi (ad esempio la Tari per le scuole) e oltre 1 milione e trecentomila euro di conguaglio 2020 che il Comune ha deciso di pagare in un’unica soluzione anzichè in tre anni (21,22 e 23) per sfruttare al massimo i fondi Covid, il totale scende a poco più di 42 milioni di euro e questo mette al riparo tutti i cittadini dall’aumento dell’1% circa che altrimenti si sarebbero trovati in bolletta.
Il Comune ha pensato di venire incontro ad alcune tipologie di attività che resteranno fuori dalle agevolazioni Covid perchè non sono mai state chiuse ma che hanno comunque bisogno di aiuto. Artigiani e carrozzieri/autofficine avranno il 50% di sconto sulla parte variabile che è pari al 25% del totale. Anche in questo caso verrà usato il fondo Covid avanzato dal 2020.
Gli industriali non sono stati compresi in questa azione perchè grazie alle modifiche introdotte dai metodi di calcolo Arera beneficeranno di una riduzione della Tari del 13% sul totale.
COSA C’E’ DA SAPERE. Quest’anno i titolari delle attività non devono fare niente. Sconti e agevolazioni sono calcolati direttamente in bolletta. Al contrario dell’anno scorso quando era necessario dare conferma della propria situazione dopo il saldo (chi non lo ha ancora fatto si affretti nella comunicazione), non sarà necessaria alcuna operazione del genere.
Attenzione. In caso nella prima rata Tari non si registrino le agevolazioni a cui si ritiene di aver diritto, è necessario farlo presente al Comune entro il 30 novembre o non sarà possibile eventualmente rimediare.
TEMPISTICHE DI PAGAMENTO. Le scadenze vengono spostate in avanti e divise in più tranche. Per le utenze non domestiche l’acconto si paga entro il 30 settembre e il 31 ottobre, mentre il saldo il 31 dicembre e il 31 gennaio. Per le utenze domestiche l’acconto slitta al 30 settembre e il saldo il 31 dicembre. Le relative modifiche al regolamento, insieme a quella che recepisce la possibilità di scegliere il libero mercato per le utenze non domestiche, sono state approvate dalla giunta approderà in Consiglio comunale l’8luglio.
AGEVOLAZIONI SOCIALI PER UTENZE DOMESTICHE. Queste sono su presentazione di una domanda specifica. E’ confermata l’agevolazione del 2020: con Isee sotto i 7.500 euro la parte variabile è azzerata. Si allargano invece i parametri per lo scaglione Isee successivo che non sarà più 12.500 ma 13.500 euro e aumentano gli sconti che possono arrivare fino al 50% della parte variabile mentre prima erano fermi al 30%. Tali interventi sono finanziati con 300mila euro di risorse proprie.
AGEVOLAZIONI AMBIENTALI. Sono confermate tutte e sono su richiesta ma rispetto al passato aumenta dal 30 al 50% lo sconto sulla parte variabile per le imprese che raggiungono il 70% della raccolta differenziata.

Commenta

Video per giorno

Agosto: 2021
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Newsletter

Rimani sempre in contatto con noi

Informazioni

Sede operativa: Via del Biancospino, 29/b
CAP: 50013 Campi Bisenzio (FI)
Tel 055 894601 - Fax 055 8946086
Modulo di contatto

Translate