CARENZA CATTEDRE, L’UFFICO REGIONALE DISERTA IL TAVOLO

Prato Alessandra Agrati 10 Settembre 2021 105 Nessun commento

image

L’ufficio regionale scolastico diserta il tavolo sulla scuola convocato dall’ assessore alla pubblica istruzione del comune di Prato Ilaria Santi per trovare una soluzione alla carenza cronica delle cattedre in tutta la provincia nelle scuole di ogni ordine e grado. Una defezione significativa visto che l’ex provveditore regionale assegnate cattedre e personale Ata .
Hanno invece accolto l’appello Regione, sindacati e Ufficio scolastico provinciale (la Provincia no ha potuto partecipare ma condivide le richieste fatte da Santi), che hanno deciso di muoversi in modo compatto e con una sola voce per tornare a chiedere all’ ufficio regionale scolastico e al Miur di riequilibrare il numero delle cattedre, all’ appello ne mancano una quarantina(cento era quelle perse per un errore burocratico 60 quelle ricuperate nel corso degli anni).
“Ci dispiace per l’assenza dell’ Ufficio scolastico regionale che dovrebbe fare anche da collegamento con il ministero – ha spiegato Santi – comunque continuiamo nella nostra legittima richiesta di avere le cattedre che ci spettano. Anzi, invito, il ministro Bianchi a venire a Prato per constatare di persona la situazione. Il tavolo continuerà a riunirsi in modo periodico, il prossimo appuntamento è fra dieci giorni, con la speranza che anche l’ufficio regionale partecipi”.
Intanto si aspetta che vengano assegnate le risorse Covid, ma anche qui ci sono poche speranze: “Il ministero – ha spiegato Stefano Pollini presidente provinciale dell’associazione presidi – ha già annunciato un taglio del 60% rispetto allo scorso anno. Inoltre la nuova direttiva prevede che non venga assegnato personale ma risorse che saranno gestite direttamente dai dirigenti scolastici in base alle esigenze dell’istituto”.
Domani dovrebbe essere pubblicata la determina per le assegnazioni e Susanna Pinzuti dirigente dell’ufficio scolastico provinciale è ottimista: “Per quanto riguarda la dotazione aggiuntiva dell’ organico Covid sarà proporzionata al numero di alunni per classe”.
Nell’ attesa però, Filomena del Santo Fl Cgil lancia una provocazione: “I presidi hanno sempre messo una pezza alle carenza d’organico, forse bisognerebbe non farlo più cosi l’ufficio scolastico regionale e anche il Ministero si renderebbe conto della situazione reale”.
All’ incontro ha partecipato anche la consigliera regionale Ilaria Bugetti “In questi giorni – ha precisato – ho incontrato l’assessore Nardi e il dirigente dell’ufficio regionale Pellecchia con un duplice obiettivo: colare il deficit delle cattedre di diritto e ottenere maggiori risorse dall’ organico Covid”.
Nel frattempo, l’anno scolastico per i bambini dei nidi e delle materne comunali è iniziato, ma con la pubblicazione del decreto sulla scuola di ieri, si impone il green pass anche per i genitori e tutto il personale esterno alle scuole. “Le comunicazioni ad anno iniziato – ha spiegato il sindaco Matteo Biffoni – complicano un percorso già difficile. Ora stiamo cercando di capire se il passaporto vaccinale deve essere richiesto anche ai genitori che in questi giorni stanno facendo l’inserimento insieme ai propri figli. se così fosse dovremmo riorganizzare il percorso. Non è chiaro neppure se deve essere esibito anche dai famigliari che accompagnano e riprendono i bambini”.
Per quanto riguarda la gestione delle mense per le scuole statali, che è gestita dal Comune, l’amministrazione ha avuto le rassicurazioni dalla ditta vincitrice dell’ appalto che tutto il personale è vaccinato. Quindi il 20 potrebbe partire il servizio mensa sempre che ci sia il personale Ata sufficiente per sporzionare i pasti.

Commenta

Video per giorno

Settembre: 2021
L M M G V S D
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Newsletter

Rimani sempre in contatto con noi

Informazioni

Sede operativa: Via del Biancospino, 29/b
CAP: 50013 Campi Bisenzio (FI)
Tel 055 894601 - Fax 055 8946086
Modulo di contatto

Translate