DUECENTO QUADRI ALL’ASTA NEL NOME DI LUANA

Prato Alessandra Agrati 23 Settembre 2021 142 Nessun commento

image

Duecento quadri andranno all’asta il 1 ottobre e il ricavato della vendita sarà completamente devoluto al figlio di Luana D’orazio, la giovane madre morta stritolata da un macchinario in un’orditura. Le opere d’arte sono state donate da artisti legati alla figura del collezionista d’arte Carlo Palli, e saranno battuti dalla Galleria Farsettiarte. Un’ iniziativa economica, sicuramente, ma che vuole anche tenere alta l’attenzione sul problema delle morti sul lavoro. “Troppe – ha affermato Emma Marrazzo madre della giovane operaia– speravo che non ci fossero altre Luana e invece non è così. La vostra vicinanza mi scalda il cuore, questi soldi serviranno a garantire un futuro a mio nipote”.
L’asta si terrà alle 17,30 con tre modalità: in presenza e online collegandosi alla piattaforma www.farsettiarte.it, e tramite commissioni scritte e telefoniche rivolgendosi anche a pallicollection@gmail.com, I quadri sono già esposti all’interno della Galleria d’arte e possono essere visionati tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 13 e dalle 15.30 alle 19, mentre il catalogo, curato dalla fondazione Santa Rita che si è occupata anche dell’organizzazione e del rapporto con gli sponsor, è consultabile on line sul sito www.farsettiarte.it, “Luana – ha spiegato Nicoletta Ulivi – è diventata anche la nostra figlia e vogliamo fare sentire tutta la nostra vicinanza alla sua famiglia”.
Farsettiarte ha accolto con entusiasmo la proposta di Palli: “Questo è un nuovo impegno sul fronte della solidarietà – ha spiegato Leonardo Farsetti – e quindi non applicheremo i diritti d’asta Il ricavato sarà completamente versato alla famiglia D’orazio che nessuno potrà mai risarcire, ma spero nella generosità dei pratesi per rendere migliore il futuro di un bambino”.
Il lavoro di Carlo Palli è iniziato poche settimane dopo la morte di Luana ed è stato capillare: “Tutti gli artisti – ha spiegato il collezionista – hanno subito risposto con grande generosità e ognuno ha donato un pezzo di sè”.
L’asta ha il patrocinio dei Comuni di Prato, Montemurlo e Provincia. “Un segnale importante – hanno spiegato l’assessore Mangani, il sindaco Calamai e Federica Palai – non solo di vicinanza economica , ma anche un modo per ricordare che non si può morire sul posto di lavoro”.

Commenta

Video per giorno

Ottobre: 2021
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Newsletter

Rimani sempre in contatto con noi

Informazioni

Sede operativa: Via del Biancospino, 29/b
CAP: 50013 Campi Bisenzio (FI)
Tel 055 894601 - Fax 055 8946086
Modulo di contatto

Translate