ECCO IL PROFILO DI SALUTE 2019 PER IL TERRITORIO PRATESE

Eleonora Barbieri 19 Dicembre 2019 86 Nessun commento

image

È un quadro in chiaroscuro quello disegnato dall’agenzia regionale di sanità nel profilo di salute 2019 per l’area pratese. Ci sono degli indubbi punti di forza come la popolazione giovane e l’elevata natalità (legate soprattutto alla forte presenza straniera), i bassi tassi di mortalità per infarto miocardico e per traumatismi nei maschi pratesi rispetto ai coetanei toscani e l’assenza di specifiche cause di morte in misura significativamente maggiore di quanto si rileva a livello regionale.
Più bassa della media toscana anche la presenza di anziani disabili e non autosufficienti ma solo grazie a un fattore statistico-demografico legato al fatto che si tratta di una popolazione giovane.
Emergono però anche criticità preoccupanti. Alcune ben note come l’alta ospedalizzazione a causa di mancanza di alternative in un territorio molto concentrato in cui il Santo Stefano è facilmente raggiungibile da tutti. Gli ultra sessantacinquenni bussano alle porte dell’ospedale più di quanto lo facciano i coetanei di altre zone toscane. Altro problema noto è l’elevata incidenza di tubercolosi, presente da molti anni e legata all’alta presenza di immigrati. Una caratteristica del territorio che influenza anche un altro dato: l’alto numero di ricoveri per interruzione volontaria di gravidanza.
Quanto alle malattie croniche Prato presente valori maggiori di quelli di tutta l’Asl Toscana centro e della regione per scompenso cardiaco sia negli uomini che nelle donne e per ictus negli uomini mentre le donne rientrano nella media toscana ma non in quella dell’Asl.
Diamo un’occhiata alla mortalità per tumori maligni. Pur senza grandi distacchi, siamo sopra la media regionale per quelli al polmone (per gli uomini è il dato più alto della Toscana dopo la Val di Nievole), pancreas, leucemie, sistema nervoso, linfomi, bocca-labbra-faringe. Per le donne togliamo il pancreas e aggiungiamo colon retto, fegato, stomaco e utero. Bene invece il melanoma che sopratutto per gli uomini è molto sotto la media.
Vediamo ora altri indicatori generali.
Il rendimento scolastico va piuttosto male: tra gli studenti delle scuole toscane quelli iscritti a Prato hanno i massimi livelli di insuccesso mentre l’alta presenza di alunni stranieri alle elementari, alle medie e in parte anche alle superiori è dovuta solo all’effetto demografico.
Vediamo le buone e cattive abitudini di vita. Tra i giovani di età compresa tra i 14 e i 19 anni si registra scarso consumo di frutta e verdura, obesità e sovrappeso soprattutto nelle ragazze e eccessivo uso di sigarette, alcol e droghe (anche se sotto la media toscana). Tra gli adulti c’è una quota maggiore di obesi e rispetto alla media regionale consumatori eccessivi di alcol e scarsi di frutta e verdura.

Commenta

Video per giorno

aprile: 2020
L M M G V S D
« Mar    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Newsletter

Rimani sempre in contatto con noi

Informazioni

Sede operativa: Via del Biancospino, 29/b
CAP: 50013 Campi Bisenzio (FI)
Tel 055 894601 - Fax 055 8946086
Modulo di contatto

Translate