FOCOLAIO RSA COMEANA, I SINDACI: “SPOSTARE SUBITO POSITIVI”

Prato Eleonora Barbieri 3 Aprile 2020 99 Nessun commento

image

Spostare le persone positive in una struttura Covid in modo da evitare altri contagi e attuare lo screening generale chiesto quasi un mese alle autorità di pubblica sanità. Sono le richieste che i sindaci di Poggio a Caiano e di Carmignano, Francesco Puggelli e Edoardo Prestanti, mettono sul piatto per arrestare il focolaio all’interno della rsa di Comeana dove nelle scorse ore su 53 tamponi effettuati ben 28 sono risultati positivi: si tratta di 14 operatori e 14 utenti.
Questo è il frutto di una situazione molto critica che si trascina da quasi un mese senza una vera soluzione. Il primo caso risale al 9 marzo, quello dell’infermiere che lavora all’interno della struttura. Sa qui è nata una catena di contagio che ha portato alla morte di cinque anziani e a molte persone positive tra familiari, conoscenti e addetti ai lavori sia a Carmignano che a Poggio. Fatta eccezione per i casi più gravi, trasferiti al Santo Stefano, gli anziani risultati positivi sono rimasti dentro alla struttura. E i 28 tamponi positivi di ieri, emersi dopo lo screening a tappeto ordinato dalla Regione in tutte le residenze per anziani, ne sono la conseguenza diretta.
Ecco perchè entrambi i sindaci del territorio mediceo, battono i pugni sul tavolo della Regione e dell’Asl per chiedere ora più che mai interventi immediati e concreti. “Ci sono strutture dedicate al Covid che hanno molti letti liberi. – affermano Puggelli e Prestanti – si usino quelle per isolare i casi positivi e permettere a quelli negativi di restare o lavorare in rsa serenamente. Da tantissimi giorni chiediamo un’attenzione particolare per questa situazione. Lo avevamo detto subito che era un focolaio. Ora chi ha la responsabilità delle decisioni ammetta l’errore e non perseveri adottando ciò che chiediamo: spostamento dei pazienti positivi in strutture dedicate al Covid e screening di tutti i contatti. Solo così ne possiamo uscire”.
Anche Demos, attraverso un comunicato, chiede alla Toscana come alle altre Regioni italiane, di non trasformare le rsa in unità Covid.

Commenta

Video per giorno

Maggio: 2020
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Newsletter

Rimani sempre in contatto con noi

Informazioni

Sede operativa: Via del Biancospino, 29/b
CAP: 50013 Campi Bisenzio (FI)
Tel 055 894601 - Fax 055 8946086
Modulo di contatto

Translate