I SINDACATI ALLE AUTORITÀ: “BASTA LACRIME DI COCCODRILLO”

Prato Eleonora Barbieri 7 Maggio 2021 92 Nessun commento

image

‘Morire di lavoro oggi non solo è inconcepibile, è intollerabile’. La frase domina piazza delle Carceri dove il mondo sindacale e i lavoratori di tante realtà toscane si sono dati appuntamento per chiedere alle istituzioni maggiori investimenti in sicurezza. Il segretario generale della Camera del Lavoro Lorenzo Pancini non fa giri di parole. “E’ arrivato il momento di smettere con le lacrime di coccodrillo”. Dura anche la segretaria della Uil Toscana, Annalisa Nocentini: “Abbiamo la sensazione che dovremo rilottare per riacquisire quei diritti che pensavamo acquisiti”. Per i sindaci di Prato e di Montemurlo, lo Stato deve intervenire potenziando gli organici degli enti deputati ai controlli e investendo in formazione.
Presente alla manifestazione anche Si Cobas e gli ex lavoratori della Texprint che hanno avvicinato il presidente Giani per chiedergli un incontro sulla questione.
Anche i lavoratori di Corneliani di Mantova, usciti positivamente da una lunga battaglia per salvare l’azienda, hanno voluto essere presenti ala giornata di oggi perchè il sacrificio di Luana e Sabri non sia vano: “Nessuno si salva da solo. C’è bisogno dell’aiuto di tutti per far finire questa strage”.

Commenta

Video per giorno

Giugno: 2021
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Newsletter

Rimani sempre in contatto con noi

Informazioni

Sede operativa: Via del Biancospino, 29/b
CAP: 50013 Campi Bisenzio (FI)
Tel 055 894601 - Fax 055 8946086
Modulo di contatto

Translate