LA BRIGLIA, UNA PIAZZA AL POSTO DELEL FABBRICHE

VAIANO Alessandra Agrati 1 Febbraio 2021 75 Nessun commento

image

Una piazza, al posto dei vecchi stanzoni artigianali della Briglia, che collegherà la zona della Chiesa con via Fattori, dove hanno sede le scuole, l’ufficio postale e il circolo La Spola D’oro.
I lavori sono iniziati da qualche giorno e procedono spediti, poi partirà un percorso condiviso con i cittadini che porterà a individuare la funzione del nuovo spazio. Gli immobili fra via della Seta e via Ciampi sono stati acquistati nel 2019 dal Comune, mentre l’intervento è finanziato anche grazie a un contributo di 67mila euro concesso dalla Regione Toscana nell’ambito delle iniziative per la rigenerazione urbana, è previsto anche un parcheggio vicino alla chiesa.
“L’idea da cui partiamo – ha spiegato il sindaco Primo Bosi – è di valorizzare la storia della frazione, che si fonda sul tessile, ma anche il concetto di riutilizzo e così ad esempio abbiamo pensato di ripavimentare l’area con materiale realizzato da scarti tessili”.
La nuova piazza, con una superficie di 250metri quadrati, sarà realizzata in un’area pedonale all’intero di un progetto più vasto di riqualificazione dell’itera frazione “Il cuore del paese, quello della ex fabbrica Forti – continua il sindaco – è al centro di un progetto ambizioso con un piano economico rilevante che sarà pronto a metà febbraio e verrà candidato a finanziamento attraverso il Programma Pinqua, per la riqualificazione dei territori e la qualità dell’abitare, sostenuto dal ministero delle Infrastrutture con quelli dell’Economia e della Cultura”.
Scade mercoledì prossimo, 3 febbraio, l’avviso rivolto ad associazioni e soggetti no profit a presentare proposte da inserire nel progetto (le informazioni si trovano sul sito del Comune di Vaiano).
La Briglia è nata agli inizi del XVIII secolo intorno ad un’importante cartiera, il cui proprietario Clemente Ricci era riuscito ad ottenere l’appalto granducale. Agli inizi dell’800 il sito si trasforma in fonderia di rame legata agli investimenti della comunità anglofiorentina. Ma la massima popolarità e importanza dal punto di vista produttivo per La Briglia si ebbe però con l’arrivo in Val di Bisenzio dell’imprenditore ebreo Beniamino Forti. Egli sfruttò le infrastrutture industriali e idrauliche esistenti per creare un grande lanificio a ciclo completo, che diverrà nel primo ‘900 la seconda fabbrica più grande del distretto pratese per numero di addetti e metri di tessuto prodotti. È in questa fase che l’abitato della Briglia subisce le più importanti trasformazioni sociali e urbanistiche, identificandosi, per volere della famiglia Forti, con un vero e proprio villaggio fabbrica.

Commenta

Video per giorno

Febbraio: 2021
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Newsletter

Rimani sempre in contatto con noi

Informazioni

Sede operativa: Via del Biancospino, 29/b
CAP: 50013 Campi Bisenzio (FI)
Tel 055 894601 - Fax 055 8946086
Modulo di contatto

Translate