NARDELLA, STADIO IN RECOVERY È SEGNALE DI ATTENZIONE

Firenze Gigliola Caridi 18 Marzo 2021 74 Nessun commento

image

Inserire lo stadio Artemio Franchi nel Recovery plan “è un bel segnale di attenzione. E’ un bene culturale, di proprietà pubblica, tutti hanno detto che se è di proprietà pubblica bisogna metterci i soldi, tutti hanno detto che i soldi non possono essere trovati a discapito dei cittadini facendo debiti, e infatti questo è un finanziamento a fondo perduto dall’Unione europea, fa parte di un fondo destinato ai beni culturali quindi non si levano soldi ad altri settori”. Lo ha detto il sindaco di Firenze Dario Nardella, “Non aggiungo altro – ha poi precisato -. Comunque preferisco sempre fare le cose perché si parla anche troppo di stadio, è più importante mettersi a lavoro e portare a casa i risultati. E quello di ieri mi sembra un ottimo risultato”.- E il direttore degli Uffizi Eike Schmidt sempre parlando del l Recovery plan ha detto: “non abbiamo chiesto niente per noi, però per gli altri sì: noi agiamo attraverso il ministero della Cultura e come Gallerie degli Uffizi abbiamo tutti i nostri grandi progetti, come la Loggia di Isozaki e l’ampliamento del museo con i Grandi Uffizi, già finanziati. Tuttavia, con il progetto Uffizi diffusi, lavoriamo con il territorio, e per il territorio”. “Con la task force per il Recovery Plan della Toscana della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze abbiamo promosso il progetto Uffizi diffusi – ha ricordato – così come con la Regione Toscana ed i sindaci dei luoghi coinvolti. Ci sono spazi ed edifici che potrebbero avere un ruolo fondamentale nel rivitalizzare non solo il turismo ma la cultura diffusa in tutta la Toscana”.

Commenta

Video per giorno

Aprile: 2021
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Newsletter

Rimani sempre in contatto con noi

Informazioni

Sede operativa: Via del Biancospino, 29/b
CAP: 50013 Campi Bisenzio (FI)
Tel 055 894601 - Fax 055 8946086
Modulo di contatto

Translate