OMICIDIO CIATTI: CECENO È IN SPAGNA, FISSATO NUOVO PROCESSO

Firenze Maria Teresa Rabotti 8 Febbraio 2022 538 Nessun commento

image

E’ tornato in Spagna Rassoul Bissoultanov, il ceceno accusato dalla giustizia italiana dell’omicidio di Niccolo’ Ciatti, il 22enne di Scandicci (Firenze) pestato a morte l’11 agosto del 2017 mentre si trovava con gli amici sulla pista da ballo di una discoteca di Lloret de Mar in Spagna. Secondo quanto riportato da La Nazione, l’uomo, sotto processo in Italia davanti alla corte di assise di Roma, ha chiesto alle autorità iberiche, che lo avevano rinviato a giudizio nel corso di un’indagine parallela a quella italiana, di essere processato in Spagna. La sua richiesta è stata accolta e la prima udienza è fissata per il 30 maggio 2022 davanti al tribunale di Girona.
“La sua è sicuramente una strategia difensiva, punta non dico all’impunità ma all’immunità”. Così il legale della famiglia Ciatti, l’avvocato Agnese Usai, commenta la decisione di Raoul Bissoultanov, il ceceno accusato dell’omicidio di Niccolò Ciatti, di rientrare in Spagna e di chiedere di essere processato a Girona. Sul ceceno pendono due processi per lo stesso fatto, uno in Italia, già in corso, dove rischia l’ergastolo, e uno in Spagna, dove la pena prevista è più bassa, che partirà il 30 maggio prossimo. Il 17 marzo la corte di assise di Roma dovrà pronunciarsi sull’eccezione di competenza territoriale presentata dai difensori di Bissoultanov, secondo i quali il processo dovrebbe tenersi in Spagna. Se i giudici diranno che la giurisdizione è italiana, spiega l’avvocato Usai, allora il processo che si sta celebrando a Roma andrà avanti, ma quello in Spagna, che durerà una settimana, finirà sicuramente prima: “La norma generale spiega Usai – dice che quando c’è un conflitto di giurisdizione e i due paesi non si mettono d’accordo vince chi finisce prima”. Se invece la corte di assise riconoscerà la giurisdizione spagnola, il processo in Italia si bloccherà. A quel punto, ipotizza l’avvocato Usai, Bissoultanov potrebbe scegliere di sottrarsi anche al processo in Spagna, “dove non si processa chi non è presente”. “La sua è sicuramente una strategia dettata dalla difesa – ribadisce Usai -, e in tutto questo le vere vittime sono i genitori di Niccolò che hanno perso un figlio in quel modo”.

Commenta

Video per giorno

Dicembre 2022
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Newsletter

Rimani sempre in contatto con noi

Informazioni

Sede operativa: Via del Biancospino, 29/b
CAP: 50013 Campi Bisenzio (FI)
Tel 055 894601 - Fax 055 8946086
Modulo di contatto

Translate