OMICIDIO LA QUERCE, SLITTA INTERROGATORIO DELL’INDAGATO

Prato Nadia Tarantino 1 Ottobre 2020 94 Nessun commento

image

Ancora mistero sul movente dell’omicidio di Mirko Congera, 44 anni, e del ferimento della convivente, Daniela Gioitta, 42, aggrediti la notte di martedì 29 settembre nella loro casa in via Firenze, a La Querce. L’interrogatorio di garanzia di Christian Ottavi, il quarantatreenne amico e vicino di casa della coppia arrestato con l’accusa di omicidio volontario e tentato omicidio, è slittato a domani, venerdì 2 ottobre. Inizialmente previsto per stamani in videoconferenza dal carcere della Dogaia, l’interrogatorio è stato posticipato in attesa dell’esito del tampone a cui l’indagato è stato sottoposto per verificare un eventuale contagio da coronavirus. Difeso dall’avvocato Gabriele Braschi, l’uomo potrebbe spiegare il motivo che lo ha spinto a presentarsi a casa della coppia con un coltello. Ottavi si è scagliato prima contro Congera, ucciso con un colpo inferto tra il collo e la scapola, poi contro Gioitta, ferita alla gola e viva per miracolo. La donna si è salvata perché è riuscita a trascinarsi fuori dall’appartamento e a chiedere aiuto. Ai familiari che l’hanno soccorsa ha fatto il nome di Christian Ottavi che poco dopo era già in manette. I carabinieri lo hanno arrestato a poche decine di metri dal luogo del massacro, nella casa in cui vive con la compagna e i figli; aveva ancora tracce di sangue sui vestiti e sulle mani. A nulla sono servite le sedici ore di interrogatorio nella caserma dei carabinieri: l’uomo non ha parlato, non ha detto una parola, non ha spiegato il motivo della feroce aggressione, non ha detto perché ha bussato alla porta della coppia con un coltello in tasca. Intanto il sostituto Vincenzo Nitti, titolare dell’inchiesta, ha dato incarico per l’autopsia sul corpo di Mirko Congera: l’esito, atteso già domani, dovrebbe fornire indicazioni più precise sulla dinamica dell’aggressione. Gli investigatori sono anche in attesa che dall’ospedale arrivi il via libera all’interrogatorio di Daniela Gioitta: la donna è stata sottoposta ad un delicato intervento chirurgico dal quale si sta riprendendo e dunque potrebbe presto parlare e svelare il movente. Il suo compagno, qualche precedente giudiziario anche per truffa, non lavorava da qualche tempo e da tempo era disoccupato anche l’arrestato: non è escluso che i due intrattenessero affari o attività insieme e che l’omicidio sia maturato per questioni economiche.

Commenta

Video per giorno

Ottobre: 2020
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Newsletter

Rimani sempre in contatto con noi

Informazioni

Sede operativa: Via del Biancospino, 29/b
CAP: 50013 Campi Bisenzio (FI)
Tel 055 894601 - Fax 055 8946086
Modulo di contatto

Translate