PROSTITUZIONE E DROGA, CONDANNATI GLI SFRUTTATORI

Nadia Tarantino 20 Dicembre 2019 84 Nessun commento

image

Un uomo di 50 anni e una donna di 41, entrambi nigeriani, sono stati condannati dal tribunale di Firenze, rispettivamente a 18 anni e 6 mesi e a 16 anni e 9 mesi di reclusione con le accuse di tratta di esseri umani, riduzione in schiavitù e sfruttamento della prostituzione. Per l’accusa, tra settembre 2016 e luglio 2017 i due avrebbero fatto arrivare in Italia almeno cinque ragazze nigeriane, di cui due minorenni, che sarebbero state alloggiate nella loro casa di Prato e costrette a prostituirsi in strada, picchiate e violentate. In alcuni casi le giovani sarebbero state minacciate di subire riti voodoo e di violenze che sarebbero state inflitte anche alle loro famiglie rimaste in Nigeria. Le vittime, secondo quanto ricostruito dalle indagini che hanno portato al processo, coordinate dalla Dda di Firenze, sarebbero anche state coinvolte loro malgrado anche in traffici di droga e costrette a fare da corrieri per consegne cocaina. Le ragazze convinte a trasferirsi in Italia dietro la promessa di un lavoro, dovevano poi prostituirsi a Prato, Firenze e Calenzano, per restituire il denaro, circa 30 mila euro, che i due sostenevano di avere speso per il loro viaggio. In alcuni casi, se non riuscivano a portare a casa abbastanza denaro, le giovani venivano picchiate con violenza fino a farle svenire, un modo per dimostrare che nessuno poteva più sottrarsi alla volontà della coppia. L’accusa contestava al 50enne anche un presunto stupro di gruppo nei confronti di una delle ragazze, accusa dalla quale è stato assolto per non aver commesso il fatto, insieme a un altro imputato suo connazionale.

Commenta

Video per giorno

aprile: 2020
L M M G V S D
« Mar    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Newsletter

Rimani sempre in contatto con noi

Informazioni

Sede operativa: Via del Biancospino, 29/b
CAP: 50013 Campi Bisenzio (FI)
Tel 055 894601 - Fax 055 8946086
Modulo di contatto

Translate