RIAPERTURE: ROSSI NON HA GRADITO ACCORDO GOVERNO-REGIONI

Toscana Daniele Magrini 16 Maggio 2020 76 Nessun commento

image

Il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, non ha gradito l’accordo Governo-Regioni sulla riapertura totale da lunedì 18 maggio, ma ha annunciato su Fb, che si adeguerà. Ieri aveva scritto: “Cresce la sindrome del tutto e subito. È comprensibile ma è pericoloso perché può provocare molti danni non solo alla salute ma anche all’economia”. Nella notte, con un altro post scritto dopo la scelta del Governo, non ha nascosto critiche e perplessità: Diversamente dalle decisioni, comunicate dal presidente Conte ieri mattina, di una ripartenza graduale e di una distanza di due metri per molte attività -. ha scritto Rossi – il governo ha deciso la svolta. O meglio, un vero contrordine. La distanza si è ridotta notevolmente, ad un solo metro, e l’elenco delle attività da riaprire si è allungato, praticamente a tutte e subito.
La mia opinione – si legge nel posto del Governatore – era e resta diversa ma non voglio che la Toscana sia penalizzata rispetto ad quadro nazionale di cui comunque tra poco tempo, quando a fine mese la circolazione tra regioni tornerà libera, finirebbe per risentire annullando gli effetti di eventuali interventi a favore di una maggiore sicurezza.
I nostri dati – ha scritto Rossi – sono migliori rispetto a quelli di tante regioni sia in termini di mortalità sia in termini di diffusione e controllo del contagio.
Pertanto, oggi, appena saremo in possesso delle disposizioni nazionali, adotteremo, allineandoci con esse, le ordinanze regionali in Toscana.
Restano a tutela generale della salute due elementi fondamentali:
– la nostra consapevolezza di cittadini nell’assumere comportamenti appropriati che evitino quanto più possibile la diffusione dei contagi.
la capacità del servizio sanitario regionale di individuare e isolare i casi positivi.
Avrei preferito maggiore cautela – ha sottolineato Rossi – ma sono sicuro che anche in questa nuova fase la Toscana riuscirà bene, e comunque meglio di tante altre regioni le quali, con alle spalle un quadro ben più drammatico, hanno fortissimamente voluto che si riaprisse tutto e subito e con il metro corto”.
Poi, Rossi ha formulato una netta critica all’operato del Governo: “Pur nella consapevolezza delle oggettive difficoltà della situazione, l’impressione – ha scritto – è che si proceda a colpi di strambate, a cambiamenti repentini: prima chiusure tardive e blande per certe realtà, poi blocchi totali a prescindere da ogni altra valutazione e infine aperture che preannunciano e spingono verso una normalità che purtroppo non esiste ancora.
Il mio timore – si legge ancora nel post di Rossi – è che così finiamo per lasciare sul campo effetti più pesanti di altri paesi, sia sul piano della salute che su quello economico. Mi auguro sinceramente – conclude il Governatore – che non si debba tornare indietro. E che la ripresa delle attività sia realmente anche una ripresa economica.

Commenta

Video per giorno

Maggio: 2020
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Newsletter

Rimani sempre in contatto con noi

Informazioni

Sede operativa: Via del Biancospino, 29/b
CAP: 50013 Campi Bisenzio (FI)
Tel 055 894601 - Fax 055 8946086
Modulo di contatto

Translate