SCUOLA, ANNULLATE LE ASSEGNAZIONI PER LE MAESTRE DI PRIMARIA

MONTEMURLO Alessandra Agrati 24 Settembre 2020 84 Nessun commento

image

Un passo avanti e due indietro, le assegnazioni delle cattedre si muovono come i gamberi: sul sito dell’ufficio scolastico provinciale in continuazione vengono pubblicate le nomine e a distanza di poche ore annullate. L’ultima, in ordine di tempo, è successa per le scuole dell’infanzia e le primarie: martedì 22 compare l’elenco delle cattedre a tempo determinato e il giorno successivo un avviso che annulla il documento, per un mero errore di valuutazione, riportando di fatto alla casella del via tutti i docenti in attesa di poter tornare in classe. Una situazione di incertezza, che riguarda tutte le scuole di ogni ordine e grado, compreso il sostegno, che comunque crea disagio a famiglie ed insegnati. “Vengo da fuori regione – spiega una maestra – e ho dato la mia disponibilità a trasferirmi a Prato, appena ho letto che rientravo nell’elenco dei docenti che hanno diritto a una cattedra sono partita, c’è tempo 24 ore per firmare la presa di servizio. Casualmente ieri mattina ho controllato il sito e mi sono accorta che tutto è stato bloccato, mi trovo quindi nel limbo in attesa di sapere prenderò servizio qui oppure dovrò tornare a casa. Una situazione paradossale.”
Alla base delle decisione dell’Ups di rivedere tutte le graduatorie, la grande quantità di ricorsi che sono arrivati da parte degli insegnanti che denunciano errori di punteggio. “Dopo tanti mesi di didattica a distanza – spiega Laura maturo – non viene garantita la continuità didattica, un problema ovunque, ma soprattutto per le prime classi della primaria dove i bambini per mesi hanno visto un’insegnante e al rientro in classe ne trovano un’altra”.
Anche per questo oggi 24 settembre, dai sindacati autonomi è stato indetto uno sciopero a cui hanno aderito non solo i precari, ma anche gli insegnati di ruolo. “L’organico non completo, compreso quello per il sostegno – spiega Tiziana Tomasello – crea disagio a tutti perché non riusciamo a dare una risposta a tutte le esigenze degli alunni. Ad esempio l’accoglienza per gli studenti di prima media necessita di più tempo e attenzione, cosa che non può essere fatta visto che siamo sottorganico, di fatto non garantiamo il diritto allo studio. Per questo oggi abbiamo scioperato e lo abbiamo spiegato ai nostri ragazzi e ai loro genitori”.
La situazione più grave, però riguarda il sostegno, soltanto nella scuola media di Montemurlo è assicurato per 10 bambini su 24 che ne hanno fatto richiesta, mentre sulla scuola primaria mancano all’ appello almeno 150 insegnantio chimati dalle graduatorie provinciali oltre a quelli che possono essere convocati dagli stessi istututi per supplenze più brevi.
“Da due anni insegno in una classe che ora è in terza media – ha spiegato Carmela Ferrara – garantendo la continuità didattica a due alunni con disabilità che ad oggi non possono fare affidamento né su di me ma neppure sui compagni, visto che vanno mantenute le distanze sociali. Così tocca all’insegnate della materia cercare di dividersi fra tutti gli alunni”.
Intanto l’ufficio scolastico ha iniziato a convocare insegnanti delle scuole medie e superiori, ma a distanza di poche ore è comparso il solito avviso che annulla una parte delle convocazioni.

Commenta

Video per giorno

Ottobre: 2020
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Newsletter

Rimani sempre in contatto con noi

Informazioni

Sede operativa: Via del Biancospino, 29/b
CAP: 50013 Campi Bisenzio (FI)
Tel 055 894601 - Fax 055 8946086
Modulo di contatto

Translate