SI COBAS IN PIAZZA SABATO PER LA TEXPRINT

Prato Alessandra Agrati 22 Aprile 2021 101 Nessun commento

image

Mentre Si Cobas organizza un flash mob per annunciare la manifestazione di sabato 24 aprile, per denunciare lo sfruttamento dei lavoratori nel distretto tessile pratese, associazioni e privati cittadini hanno donato oltre 14mila euro per sostenere economicamente gli operai che da mesi scioperano e da febbraio hanno ricevuto la lettera di licenziamento. A ciascun lavoratore sono stati dati 700 euro.
Nel frattempo anche agli ex lavoratori della Texprint (a marzo erano state recapitate ai sindacalisti Sarah Caudiero e Luca Toscano) sono arrivate diciottomila euro di multe per non avere rispettato il coprifuoco durante i mesi di manifestazione davanti ai cancelli dell’azienda.“Nessuno ci ha mai chiesto la certificazione – spiega Hussain Mudassar ex dipendente – e questo non è giusto. Ora ci multano, ma quando andavamo a lavorare per 12 ore al giorno nessuno si è mosso”. I soldi raccolti non serviranno per pagare le multe che saranno impugnate.
Intanto continua la protesta organizzata da Si Cobas. Questa mattina 22 aprile, è stato organizzato un flash mob in piazza delle Carceri, dove con i vestiti è stata composta la scritta 8X5 cioè otto ore per cinque giorni, slogan che è diventato il filo conduttore della battaglia portata avanti da mesi contro la stamperia di via Sabadell e più in generale lo sfruttamento dei lavoratori nel distretto pratese. Mentre sabato 24 nella stessa piazza si terrà una manifestazione per parlare di sfruttamento. “Abbiamo utilizzato i vestiti – spiega Sarah Caudiero referente Si Cobas Prato – per denunciare un intero sistema, quello della moda, dove ogni giorno si assiste allo sfruttamento dei lavoratori, argomento che sarà al centro della manifestazione di sabato”. L’appuntamento è alle 15 sempre in piazza delle Carceri, dove oltre agli ex lavoratori della Texprint, parleranno anche quelli del distetto conciario, previsto anche un collegamento con alcuni lavoratori del Bangladesh, che racconteranno, nel giorno dell’ ottavo anniversario del crollo del Rana Plaza dove morirono 1.175 operai tessili, le condizioni di lavoro del loro Paese. Alla manifestazione hanno già dato l’adesione le sezioni ANPI di Campi Bisenzio, del Galluzzo e dei Giovani Oltrarno. Da Prato scenderà in campo anche il “Comitato 25 Aprile”, Prato Antifascista, Toscana a Sinistra e Assemblea sulla Stessa Barca. Dalla Piana il “Comitato Diritti e Beni Comuni” di Pistoia l’“Orto Collettivo” di Calenzano ed il “Presidio No Inceneritore – No Aeroporto”. Si mobiliterà anche il mondo universitario con i collettivi studenteschi dell’UniFi delle facoltà di Ingegneria, Psicologia, Scienze, Medicina, Architettura, e facoltà umanistiche insieme agli “Studenti di Sinistra”. Confermano il loro sostegno alla lotta aderendo alla manifestazione il gruppo di ventiquattro Consiglieri Comunali dei Comuni dell’area metropolitana che avevano già firmato un appello a sostegno dei lavoratori Texprint. Tra loro Lorenzo Ballerini consigliere al Comune di Campi Bisenzio, Antonella Bundu e Dimitrji Palagi del Consiglio Comunale di Firenze. Anche Rifondazione Comunista e Potere al Popolo saranno presenti in piazza. “Sarà una manifestazione pacifica e aperta a tutti – spiega Luca Toscano referente Si Cobas Prato – invitiamo anche le altre sigle sindacali perché lo sfruttamento è un problema che riguarda tutti. In piazza ci piacerebbe anche vedere esponenti della politica, che in tante occasioni hanno manifestato la loro vicinanza”.

Commenta

Video per giorno

Maggio: 2021
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Newsletter

Rimani sempre in contatto con noi

Informazioni

Sede operativa: Via del Biancospino, 29/b
CAP: 50013 Campi Bisenzio (FI)
Tel 055 894601 - Fax 055 8946086
Modulo di contatto

Translate