SOPRALLUOGO DEI RIS IN VIA FELICE FONTANA

Firenze Rachele Campi 23 Dicembre 2020 132 Nessun commento

image

I riflettori sono ancora accesi nel quartiere di San Jacopino in via felice fontana 40. Questa mattina i Ris hanno esaminato l’appartamento dove gli inquirenti sono sicuri essere il luogo dove stati uccisi i coniugi Pascho. La scientifica è in cerca di tracce nonostante siano trascorsi anni. Intanto continua il silenzio di Elona Kalesha, che ieri si è avvalsa della facoltà di non rispondere. Lei, la ex fidanzata di Taulant, figlio dei coniugi fatti a pezzi e trovati all’interno di 4 valigie, gettate tra la fipili e il carcere di Sollicciano. Elona, con alle spalle reati contro il patrimonio e contro la persona, ieri è stata convocata al Comando Provinciale dei Carabinieri di Firenze. Per lei il pm Ornella Galeotti ha formulato accuse pesantissime: omicidio, occultamento e vilipendio dei cadaveri dei coniugi. Adesso si trova in stato fermo nel carcere di Sollicciano. Il gip deciderà domani sulla convalida del fermo. Dopo l’appartamento di via Felice Fontana, affittato da Elona per i genitori di Taulant per circa 15 giorni nel 2015, i ris faranno accertamenti anche nel garage di via del Pantano, dove la giovane viveva con Taulant. Ma il luogo a questo punto nelle indagini sembra meritare più attenzione è questo appartamento in San Jacopino. Ad incastrarla sarebbero le testimonianze di due donne residenti nello stabile che hanno riferito agli inquirenti di aver visto tra il 2 e il 6 novembre Elona, uscire dal condominio trascindando delle valigie dalle quali fuoriusciva un liquido, forse sangue. Ci sono inoltre delle intercettazioni. Nel caso in cui la ragazza fosse colpevole, resta difficile credere che possa aver agito da sola. Proprio nel giorno della scomparsa dei coniugi, Taulant era uscito dal carcere. Poi ci sono le valigie. Dove sono state trasportate e come, prima di finire nella boscaglia nei pressi di Sollicciano? Si cerca il movente. Gli inquirenti battono la pista dei soldi, ma anche dei dissidi familiari. Tra fratelli e genitori. La relazione di una delle figlie della coppia con un uomo sposato e che non era ben vista, tanto che Taulant per questo aveva picchiato sua sorella e ferito con una coltellata l’uomo che li aveva fatti conoscere. Poi ci sono le date, confuse, sul giorno della sparizione. Gli investigatori stanno lavorando non stop tra molte contraddizioni.

Commenta

Video per giorno

Gennaio: 2020
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Newsletter

Rimani sempre in contatto con noi

Informazioni

Sede operativa: Via del Biancospino, 29/b
CAP: 50013 Campi Bisenzio (FI)
Tel 055 894601 - Fax 055 8946086
Modulo di contatto

Translate