UNA STATUA DI PAOLO ROSSI NEL QUARTIERE DOVE È NATO

Prato Eleonora Barbieri 24 Maggio 2021 118 Nessun commento

image

Un mezzo busto di bronzo alto circa un metro su un piedistallo di marmo verde che richiama la base della coppa del mondo raffigurante un Paolo Rossi, non sorridente come siamo abituati a ricordarlo, ma concentrato e riflessivo. E’ il primo omaggio che la sua terra natia, Prato, e la scultrice Elisa Morucci dedicano a Pablito, morto il 9 dicembre scorso. Stamani, 24 maggio, in Comune, la presentazione dell’iniziativa alla presenza della moglie del compianto campione di Spagna 1982, Federica Cappelletti e dei vertici della Proloco di Santa Lucia, promotrice dell’iniziativa insieme all’amministrazione comunale.
La statua, ora in fonderia, sarà posizionata nel piazzale della Cipresseta di fronte alla chiesa di Santa Lucia, il quartiere a nord della città dove Paolo Rossi è nato e ha tirato i primi calci al pallone fino a spiccare il volo. “Santa Lucia era la casa di Paolo. – afferma la moglie – Ho conosciuto Prato venendo a Santa Lucia quando era ancora viva nonna Amelia. Qui sono cresciute le nostre bambine e il primo figlio di Paolo”.
Pienamente d’accordo con la collocazione nel cuore del quartiere il sindaco Biffoni. “Beh, alla fine per il “dove” ci è sembrato naturale pensare a casa sua, dove è nato e cresciuto, il più adatto e significativo per ricordarlo. Paolo Rossi è patrimonio nazionale e ancor più per noi è Paolo di Santa Lucia. Quest’opera è un tributo all’uomo, al campione, a un esempio di generosità. I suoi occhi, il suo sorriso gentile, il suo esempio restano per ciascuno di noi un valore, ricordarlo nella “sua” Prato è un gesto d’affetto e di stima da parte di tutta la città».
L’assessore allo sport Luca Vannucci ne ha ricordato la semplicità: “Era molto alla mano, gentile. Quando veniva dalla madre, si concedeva senza problemi per fare due chiacchiere e rispondere alle nostre mille domande. Provate a farlo con i campioni di oggi e vedrete la differenza. Ritengo assolutamente giusto e doveroso che Prato omaggi Paolo, un suo cittadino che ha portato il nome della nostra in tutto il mondo. Il legame di Paolo con Santa Lucia non si è mai spezzato nonostante lui sia andato via per inseguire la sua carriera molto giovane, e questo omaggio ne è una dimostrazione».
“Il suo posto è nel cuore di Santa Lucia perchè era uno di noi. – afferma Daniela Ciminelli, presidente della locale Proloco -Paolo era una delle anime di Santa Lucia. Per noi era semplicemente Paolino”.
Il posizionamento è previsto a fine settembre attorno alla data di compleanno di Pablito. L’artista spiega perchè ha scelto di non rappresentare l’immancabile sorriso di Paolo Rossi: “Rivedendo le partite e vario materiale ho colto anche altro che va al di là del suo essere educato, gentile e generoso. Un uomo intelligente, riflessivo e un pochino velato di malinconia. Ho cercato quindi di interpretare le varie sfaccettature che ho colto, in un’immagine stratificata”.
Federica Cappelletti ritiene che la riproduzione fatta sia fedele a suo marito, la corregge solo sull’aspetto malinconico: “Non lo era affatto. Viveva la sua quotidianità con serenità ed era sempre proiettato sul futuro”.
Prato ricorderà Paolo Rossi anche con una mostra che si aprirà al Politeama il prossimo giugno, mentre il circolo arci che sorge a pochissimi metri dalla casa natale di Rossi e nel cui consiglio siede il fratello Rossano, presto porterà il suo nome

Commenta

Video per giorno

Giugno: 2021
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Newsletter

Rimani sempre in contatto con noi

Informazioni

Sede operativa: Via del Biancospino, 29/b
CAP: 50013 Campi Bisenzio (FI)
Tel 055 894601 - Fax 055 8946086
Modulo di contatto

Translate