Un’estate orfana di eventi

Prato Alessandra Agrati 18 Aprile 2020 43 Nessun commento

image

Cancellata l’edizione 2020 di Prato Estate, mentre per il Festival Settembre Prato è spettacolo l’amministrazione comunale deciderà entro la metà di maggio.
“Prato Estate – ha spiegato in commissione 5 Cultura, l’assessore Simone Mangani – non può andare in scena visto i tempi stretti, i primi appuntamenti erano previsti per l’inizio di giugno. Un’operazione che, anche dal punto di vista della procedura rispetto ai progetti che ci sono arrivati, è fattibile a costo zero”. Resta sempre la possibilità di inserire qualche spettacolo nei mesi autunnali, prima che inizi la nuova programmazione. “In questo caso – continua Mangani – abbiamo fatto la scelta politica di sostenere, appena ci saranno le condizioni, gli artisti pratesi o quelli che da sempre hanno un legame forte con il territorio”.
Capitolo a sé, invece, la programmazione della rassegna cinematografica al Castello dell’Imperatore. “Mantenere le distanze sociali – spiega Mangani – è sicuramente più facile, stiamo pensando anche di montare delle gradinate per aumentare i posti. Quindi ci sono più possibilità che questo appuntamento ormai storico, non venga annullato”.
Niente di definitivo, invece, per il festival Settembre Prato è Spettacolo, c’è ancora qualche settimana di margine per decidere. Due le opzioni sul tavolo: quella di annulare gli eventi e rimandare al prossimo anno, seguendo anche la richiesta fatta al Governo di altri organizzatori (tra i firmatari della proposta anche gli organizzatori di Lucca Summer Festival che è previsto prima della rassegna pratese), oppure organizzare con le nuove modalità di fruizione gli spettacoli a settembre. “Insieme a Fonderia Cultart che è il gestore del Festival – precisa Mangani – stiamo valutando le varie possibilità, anche se una versione leggera non mi piacerebbe. In ogni caso se ci decidesse per il posticipo ci sarebbe anche uno scivolamento di un anno della concessione che quindi scadrebbe nel 2022. Verrebbe comunque retribuita con 10mila euro l’attività fino ad ora svolta, a fronte degli 80mila previsti”.
L’amministrazione comunale, nei prossimi giorni ,si confronterà anche con quella di Carmignano e di Poggio a Caiano per quanto riguarda il festival delle Colline e con tutti i Comuni della Provincia per La rassegna Un Prato di libri.
“E’ evidente – spiega Rosanna Sciumbata presidente della Commissione 5 – che l’incertezza dovuta ai tempi di durata dell’emergenza sanitaria rende molto difficile fare previsioni, non solo nel breve, ma anche nel medio periodo. Potrebbe essere a rischio anche la programmazione del prossimo anno con un impatto pesante su tutto il territorio”.

Commenta

Video per giorno

Maggio: 2020
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Newsletter

Rimani sempre in contatto con noi

Informazioni

Sede operativa: Via del Biancospino, 29/b
CAP: 50013 Campi Bisenzio (FI)
Tel 055 894601 - Fax 055 8946086
Modulo di contatto

Translate