VIA ALLA GARA D’APPALTO PER LA NUOVA PALAZZINA DEL S.STEFANO

Prato Eleonora Barbieri 1 Agosto 2022 100 Nessun commento

image

L’Asl Toscana centro ha indetto la gara d’appalto per la costruzione della palazzina aggiuntiva del Santo Stefano che aumenterà la capienza dell’ospedale di 112 posti letto. E’ questo il momento in cui si concretizza un impegno preso nel 2016 dall’allora sottosegretario Antonello Giacomelli e dal sindaco Biffoni alla luce dei limiti del nuovo ospedale, inaugurato appena tre anni prima.
In Italia sei anni di distanza tra l’idea e la pubblicazione della gara d’appalto per realizzarla, con il Covid nel mezzo, sono sicuramente un tempo ridotto, ma d’altronde gli accessi record del pronto soccorso, secondo Dea della Toscana ma con spazi inadeguati, e le lunghe attese per un posto letto che in questo periodo hanno raggiunto l’apice, hanno convinto anche governo e Regione della necessità di ampliare gli spazi. “Ora più che mai questo intervento serve alla città – afferma il sindaco – Una città che è cambiata, che cresce e che di quest’operazione ha bisogno. Ringrazio Antonello Giacomelli per averci creduto e tutti coloro che hanno concretizzato il progetto in tempi ragionevoli. Lasciamo alla città un tangibile arricchimento perchè cambierà la qualità sanitaria. Certo, ci vorrà il personale ma siamo fiduciosi. Sappiamo che il bando per la ricerca del nuovo primario di oncologia ha richiamato candidature di altissimo livello da tutta Europa. Questo non solo per l’alta professionalità dell’equipe del dottor Di Leo che purtoppo ci ha lasciato troppo presto, ma anche perchè c’è la consapevolezza della realizzazione di spazi adeguati al valore scientifico del reparto. Un piano della palazzina infatti, andrà all’oncologia esattamente come aveva pensato e voluto Di Leo. Per la città è un bellissimo passaggio. Sono orgoglioso che l’intuizione del 2016 arrivi a compimento”.
Sei anni sono relativamente pochi per realizzare un’opera ma tanti per non incappare negli imprevisti. Che infatti ci sono stati. L’aumento vertiginoso dei prezzi delle materie prime e gli adeguamenti del progetto dettati dall’emergenza Covid, hanno fatto lievitare i costi di oltre sei milioni di euro con un quadro economico che è passato da 19 milioni a oltre 25 milioni di euro. Differenza che sarà coperta dall’Asl con dei mutui. Il resto è a carico del governo (10 milioni fondi Cipe governo Renzi e 8,8 fondi ex articolo 20).
La gara per i lavori è di quasi 19,4 milioni di euro. Durerà sei mesi. Il vincitore, quindi, sarà scelto nella prima metà del 2023. I lavori dureranno 875 giorni, quasi due anni e mezzo. La nuova costruzione, sorgerà nell’area verde tra il parcheggio dipendenti e la palazzina dei servizi (in foto il rendering cerchiato di rosso). Sarà composta da tre piani più un interratto per una superficie complessiva di quasi 7mila mq. Salvo imprevisti, sarà pronta tra la fine del 2025 e l’inizio del 2026. Altri 180 giorni ci vorranno per attivarla. Nel frattempo ci sarà da stringere i denti perché l’assetto quotidiano del Santo Stefano viaggia su un equilibrio precarissimo che in questa estate è saltato completamente con decine e decine di pazienti, già passati dal vaglio del pronto soccorso, in attesa da 40 e più ore di un posto letto che non c’è.

Commenta

Video per giorno

Agosto 2022
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Newsletter

Rimani sempre in contatto con noi

Informazioni

Sede operativa: Via del Biancospino, 29/b
CAP: 50013 Campi Bisenzio (FI)
Tel 055 894601 - Fax 055 8946086
Modulo di contatto

Translate